Storia

Archi_storiaIl rapporto di concessione del servizio di distribuzione idrica per la città di Salerno ebbe inizio nell’anno 1906 quando la Società Italiana Condotte d’Acqua stipulò apposita convenzione con il Comune di Salerno per la costruzione e la gestione delle opere di captazione delle sorgenti “Ausino ed Ausinetto”, nonché del sistema di trasferimento e distribuzione idropotabile della città.

L’espansione urbanistica ed industriale, conseguente alla ricostruzione post-bellica, interessò prevalentemente il territorio del versante orientale della fascia costiera della città. Le relative opere infrastrutturali acquedottistiche furono costruite a cura del Comune, che ne assunse direttamente la gestione tecnica ed amministrativa, determinando conseguentemente una dualità gestionale e diversificata non solo sotto il profilo tecnico-amministrativo ma anche sotto quello tariffario.

Per cinquant’anni circa il fiume Irno ha, idealmente, diviso la rete idrica della città di Salerno in due grandi zone di gestione.
Alla destra del fiume Irno, la rete e il rapporto con le utenze c.d. “della zona occidentale” era affidata a Società private. Alla sinistra dell’Irno, c.d. “zona orientale”, la gestione era svolta direttamente dal Comune di Salerno.

Agli inizi degli anni 90 si delinea il progetto di unificazione del servizio acquedottistico. Il Comune decide di costituire una Società per Azioni, per la gestione dell’acquedotto a servizio del Comune di Salerno, con delibera di Consiglio Comunale n° 101 del 28/09/1991, con socio di minoranza la CONDIL.

Salerno Sistemi Spa viene formalmente costituita il 25 febbraio 1998 – ai sensi della L. 142/90 art. 22. Diventa operativa il 1° luglio del 1998.

Oggi

E’ una Società per azioni costituita il 25 febbraio 1998 attraverso la fusione delle due differenti esperienze operative sul territorio comunale a quella data, una pubblica (51%) e l’altra privata (49%). La forma societaria mista dopo circa 10 anni viene sostituita con una ad intero capitale pubblico, ed a gennaio 2012 la Società viene acquisita dal Gruppo Salerno Energia.

Oggi il Gruppo Salerno Energia è diventata la prima società del mezzogiorno in grado di offrire ai propri clienti acqua, luce e gas.

La gestione dell’acquedotto comunale è stata avviata in data 1 luglio 1998 con la sottoscrizione del relativo atto di affidamento.
Nell’ambito del ciclo integrato delle acque la Salerno Sistemi è concessionaria del servizio di distribuzione della risorsa idrica per la città di Salerno.
Si occupa cioè di acquistare la risorsa da fornitori terzi (prevalentemente ASIS, AUSINO, in minima parte dall’ Eniacqua Campania Spa) o prelevarla da fonti di approvvigionamento direttamente gestite (sorgenti di Prepezzano) e renderla disponibile al rubinetto dell’utenza.

Gestisce quindi tutte le fasi che riguardano:

  • verifica e controllo quantitativi acquistati/immessi al sistema;
  • gestione serbatoi (alimentazione e controllo livelli/anomalie) ove presenti;
  • gestione rete di distribuzione (studio, rilievo, manutenzione, ricerca perdite, monitoraggio parametri idraulici, risoluzione anomalie/carenze idriche, sospensioni della erogazione, sicurezza……..);
  • monitoraggio qualità dell’acqua distribuita.

La società gestisce, inoltre, le infrastrutture inerenti alle sorgenti di Prepezzano. In questo caso non si limita esclusivamente alla distribuzione ma si occupa anche delle opere di captazione ed adduzione.

La Missione
La Missione della Salerno Sistemi si traduce nell’impegno diretto a salvaguardare l’acqua, un vero e proprio patrimonio, e a garantire un servizio di pubblica utilità secondo parametri di eccellenza tecnico-gestionale e a fornire un servizio di qualità al minimo prezzo, di equità e trasparenza di rapporti con l’utenza e con i propri dipendenti. Nella consapevolezza della rilevanza sociale del servizio gestito, la Salerno Sistemi Spa, anche attraverso la valorizzazione delle capacità professionali dei dipendenti, opera al fine di assicurare un’ottima qualità dell’acqua distribuita, la regolarità della fornitura, e una forte attenzione alle esigenze della collettività e il rispetto dell’ambiente.